nascita della SocietÓ | riunioni | pubblicazioni | statuto

home

Dalle Smart-cities alle Eco-cities: il paradigma della sostenibilità L’11 dicembre 2019 si è svolta la “mattinata di studio” dal titolo “Dalle Smart-cities alle Eco-cities: il paradigma della sostenibilità

   già oggi il 54 per cento della popolazione mondiale vive in aree urbane e. secondo un rapporto dell’ONU (2014), questa percentuale potrebbe arrivare al 66 per cento entro il 2050. Dalla data della pubblicazione del rapporto, pertanto, si sono sviluppate nuove linee di ricerca sullo sviluppo delle città con un rapido spostarsi del focus della ricerca dallo “smart” all’“eco” evidenziando una crescente centralità della tematica città nel contesto del moderno ambientalismo. Ne consegue che una solida conoscenza delle problematiche tipiche delle Eco-cities (come rifiuti, trasporti, comunicazioni) deve essere parte del bagaglio culturale dei giovani non solo per una loro corretta formazione come cittadini ma anche per le potenzialità lavorative che il settore prospetta considerando come non esista un modello unico di Eco-city ma come il tutto vada declinato nelle varie tipologie di città (città continentali, città del mare, ecc.) L’evento, organizzato grazie alla collaborazione della Società Italiana per il Progresso delle Scienze (SIPS) e l’Istituto di Ricerca sulla Crescita Economica Sostenibile (IRCrES) del CNR, ha voluto sollecitare proprio lo studio della “crescita” attraverso l’analisi delle sue diverse componenti: economica, sociale, istituzionale, ambientale. L’attenzione è stata rivolta particolarmente, anche in chiave storica, agli elementi costituenti l’economia italiana nonché alle politiche intese a rafforzare la competitività internazionale del nostro Paese attraverso il miglioramento delle condizioni in cui operano le imprese, le istituzioni, le famiglie e gli individui. L’apertura dei lavori è stata affidata al Presidente della SIPS Luigi Berlinguer che ha voluto portare un saluto ma soprattutto un augurio di buon svolgimento. Sempre Luigi Berlinguer ha svolto le mansioni di “chairman” insieme al Segretario generale della SIPS, Enzo Casolino.
Relatori e titoli delle relazioni Antonio Speranza: Dalle Smart cities alle Eco-cities (verso le knowledge-based cities) Dalle Smart cities alle Ecocities. Speranza, Vicepresidente SIPS, ordinario di Fisica Generale ha operato in numerose istituzioni di ricerca nazionali ed estere (UCSD, Scripps Institution, MIT). È autore di numerose pubblicazioni e realizzazioni progettuali che spaziano dalla fisica dell’atmosfera e dell’oceano, alla matematica dei sistemi non lineari e alla statistica. Armando Montanari: Turismo Sostenibile nelle aree urbane Evoluzione dei fenomeni turistici e tutela delle risorse tra over-tourism e under-tourism. Montanari, vice Presidente della Startup Innovativa della Sapienza Università di Roma, SARA ENVIMOB S.r.l. - Servizi e Soluzioni per la Natura e il Turismo. Già professore di Turismo e Mobilità Umana, al Cdl in Scienze del Turismo in Sapienza, nonché Presidente dello European Environmental Bureau, Bruxelles, ha pubblicato centinaia tra articoli e volumi sulla mobilità umana e il turismo. Gaetano Tedeschi: Smart cities (Costruire un ecosistema intelligente con l’essere umano al centro). Tedeschi è General manager del Consorzio CO.GLTAU. (a 28 anni), poi Amministratore Delegato (1986) e direttore generale di COSIAC S.p.A. Dal 1988 al 1997 è Direttore generale di Bonatti S.p.A. (1988-1997) e, quindi, di Italstrade S.p.A. e di Astaldi S.p.A. Ha lavorato anche come Amministratore Delegato di Italstrade Regno Unito dal 1999 al 2001. Poi è stato consigliere di Torno S.p.A. (2001-2002) e commissario presso il Ministero dell’Interno per gli interventi urgenti relativi alla messa in sicurezza dell’Area Enea Eurex. Ha ricoperto incarichi analoghi, fra l’altro, in Agitec S.p.A., Dalle Smart-cities alle Eco-cities: il paradigma della sostenibilità L’11 dicembre 2019 si è svolta la “mattinata di studio” dal titolo “Dalle Smart-cities alle Eco-cities: il paradigma della sostenibilità 2 | 2019 SCIENZA E TECNICA | 552 Logitech Gestioni, Baldassarini-TognozziPontello, K.R. Energy S.p.A. È stato membro di diverse istituzioni, in particolare EURATOM, il comitato direttivo di IEFE, l’Istituto per l’Economia e Politica dell’Energia e dell’Ambiente presso l’Università Bocconi di Milano,

 

il Comitato di gestione del Programma per il Ministero delle Attività Produttive e il Comitato Internazionale di Fisica Nucleare Management - Euratom, (2001-2004). È stato direttore generale di Rei - Rete Ferroviaria Italiana, e di ENEA - Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l’Energia e Ambiente. È stato presidente della U.S. Avellino (1991-1994) e nella stagione 2003- 2004. Giovanni Perone: La tecnologia: non solo 5G. Perone, già ordinario di Campi Elettromagnetici e Circuiti presso il Politecnico di Torino, attualmente Presidente del Consorzio Interuniveristario per la Fisica delle Armosfere e Idrosfere. Ha studiato presso la Cornell University e ha successivamente operato presso la University of California San Diego. È autore di numerose pubblicazioni riguardanti antenne, radarmeteorologia, applicazioni informatiche in vari settori operativi, ha coordinato progetti di ricerca anche europei e ha gestito progetti di innovazione tecnologica finanziati da industrie di diversi settori. Alessandro Manello: Il ruolo della bicicletta nella mobilità sostenibile. Manello è un ricercatore presso l’IRCrES-CNR. Ha svolto ricerche e pubblicato specificamente in materia di apporto tra produttività d’impresa, emissioni inquinanti e danni ambientali. È revisore di numerose riviste internazionali. Insegna economia manageriale e applicata presso l’Università di Torino. Massimo Castellano: Rete d’Imprese dei borghi marinari di Roma - RIBOMAR. Castellano è manager d’impresa con esperienza internazionale maturata presso aziende e gruppi industriali operanti nel settore del turismo, dei trasporti e della logistica, dove si è prevalentemente occupato di politiche comunitarie, marketing territoriale, comunicazione e relazioni istituzionali. In qualità di Presidente della MAR-Associazione per le Attività e le Ricerche Marine, è ideatore e coordinatore delle campagne di comunicazione “Pelagos” e “Blue Planet Economy”, nel cui ambito si realizzano eventi, format, percorsi di divulgazione e progetti per lo sviluppo di politiche mirate alla valorizzazione territoriale. Nelle funzioni di Presidente della Rete di Imprese “I Borghi Marinari di RomaRIBOMAR” rappresenta 60 operatori del comparto turistico costiero provenienti da 5 comuni della costa laziale: il sodalizio costituisce uno dei raggruppamenti di settore più rilevante in ambito nazionale. Giovanni Arena: Le nuove città (e le non-città) Il senso dell’evoluzione. Arena è ingegnere elettronico specialista in sicurezza industriale, svolge attività di primo tecnologo in Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) nell’ambito dei sistemi di sorveglianza e allertamento ambientali. È impegnato nello sviluppo delle nuove tecnologie per l’ambiente, prevalentemente sotto il profilo del monitoraggio fisico dei mari e con specifico riferimento al Bacino mediterraneo. Opera nel Siam. Sistema allarme maremoti, struttura tecnico operativa (DPC INGV ISPRA). È stato responsabile di strutture articolate e complesse e di progetti anche in ambito internazionale. Ha svolto attività in ambito aerospaziale.

Sintesi delle relazioni e Slide

Per informazioni sulle relazioni e quant’altro il contatto email è: sips@sipsinfo.it